Archivi categoria: Girodivite

La finanziaria dei “tagli alla ricerca” passa al Senato

La Gelmini replica e smentisce.

È stata approvata dall’Aula del Senato la Finanziaria per il 2010: la sorpresa principale è rappresentata dalla scomparsa di 80 milioni di euro previsti per l’assunzione di 4.200 ricercatori. L’emendamento per recuperare e sbloccare tali fondi, stanziati dalla Finanziaria 2007, presentato dal presidente della commissione Cultura e Scuola del Senato, fu bocciato dalla commissione e accolto dal governo solo come ordine del giorno, ma adesso nella Finanziaria non vi è traccia di alcun sostegno per la ricerca. Una vicenda clamorosa che conferma e giustifica la paura, la rabbia, l’incertezza e la delusione manifestata in numerose occasioni nei giorni scorsi da parte dei precari dell’università italiana (vedi: I Precari in piazza. 100 Piazze per la Conoscenza)

In un paese come l’Italia, dove fare il ricercatore significa essere precario e il Sistema universitario è sorretto da oltre 1/3 di docenti precari, i continui tagli ai fondi destinati alla ricerca non fanno che aumentare il gap nei confronti degli altri Stati europei e non solo, nei quali si investe una media del 3% del Pil nazionale nel settore, contro l’1% italiano “a rischio”. Questo, chiaramente, porterà ad un ulteriore abbassamento generale della competitività del Paese.

Continua a leggere

Annunci

America Latina: Se la musica può cambiare il mondo

Concerto per la “Revoluciòn” di una “pace senza confini”.

paz sin fronterasNella storica Plaza de la Revoluciòn, lo scorso 20 settembre, a l’Avana si è realizzato il II concerto “Paz sin Fronteras. L’idea, portata avanti dal famoso cantante colombiano Juanes, ha riscosso un grande successo di pubblico. Erano più di un milione di macchie bianche, sotto il sole cubano, accorse da tutta l’isola per vedere esibirsi quindici artisti di diverse nazionalità, fra i quali gli spagnoli Miguel Bosé e Victor Manuel, l’italiano Lorenzo Jovanotti, i portoricani Danny Rivera e Olga Tañón, l’ecuatoriano Juan Fernando Velasco ed i cubani Orishas, e Silvio Rodriguez.

Continua a leggere

Catania. Piove. Meglio non esco!

Etna nuvole

foto: Stiben's Blog

Inizia tutto con un po’ di nuvole che, improvvisamente, si appesantiscono e si gonfiano d’acqua, ed ecco fatto: all’orizzonte non si vede più il Mongibello e contemporaneamente, sul golfo, i lampi immortalano Catania con accecanti flash. Per chi ama la forza della natura le saette sulla piana sono spettacolo puro, per quelli fobici il rimbombo dei tuoni è suono insopportabile, per chi “comunque” deve andare fuori casa è, semplicemente, l’ora di mettersi le mani sulla testa. Le alternative sono tre: o esci col due ruote e se torni vivo è già tanto; o prendi la macchina ed è una pessima idea; o esci a piedi e non è una buona idea.

Continua a leggere