Cetrioli contaminati: ecco 8 mosse per tutelarsi

Mentre in Europa si diffonde il panico per il batterio Escherichia coli, ossia quello che ha causato una decina di morti accertati in Germania oltre a centinaia di casi di contagio in molti altri paesi, Assolatte, l’Associazione italiana lattiero casearia, lancia una campagna per informare i consumatori. Causa del contagio sarebbe stato il consumo di cetrioli freschi provenienti dalla Spagna contaminati dal batterio perché venuti a contatto con acqua inquinata durante la coltivazione o durante il trasporto post-raccolta. Ma bastano poche regole di igiene quotidiana e l’uso di alimenti cotti per evitare ogni rischio. Infatti, la trasmissione del batterio avviene perlopiù tramite il consumo di acqua e di alimenti, crudi o poco cotti, contaminati con feci o per contatto diretto con animali o il loro ambiente.

Ecco alcuni piccoli accorgimenti:

 1- Lavare la verdura fresca, come l’insalata, con acqua e bicarbonato.

2- Sbucciare la verdura prima di mangiarla, soprattutto se si tratta di cetrioli.

3- Preferire gli alimenti cotti, come gli ortaggi lessati o come il latte pastorizzato (ossia quello venduto confezionato): il trattamento termico, infatti, è l’unico modo per distruggere l’Escherichia coli.

4- Lavarsi le mani prima della preparazione dei cibi, prima di mettersi a tavola e dopo aver cucinato.

5- Pulire con detersivi le superfici di lavoro prima di manipolare gli alimenti, soprattutto se in casa vivono anche degli animali.

6- Evitare ogni contaminazione tra i cibi, tenendoli separati e usando utensili diversi per tagliarli.

7- Lasciare gli alimenti deperibili (sia crudi che cotti) a temperatura ambiente per il minor tempo possibile.

8- Tenere in buono stato il frigorifero, controllando la temperatura, pulendolo e sbrinandolo regolarmente. Infatti la bassa temperatura mantiene freschi gli alimenti senza modificarne le caratteristiche e rallenta la crescita dei microrganismi.

 (Per il Quotidiano di Sicilia di oggi, pagina 5)

Annunci

Una risposta a “Cetrioli contaminati: ecco 8 mosse per tutelarsi

  1. Molto interessante, in questi momenti in cui sembra scoppiata una specie di psicosi è importantissimo informarsi.
    Complimenti per il tuo articolo e per il tuo lavoro.
    Saluti!

    staff Ecoinchiesta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...