Allevatori italiani: in arrivo 25 mln di euro. D’Antrassi: “A breve erogazione saldo 2010”

“Il Governo regionale è impegnato nel restituire all’Aras (Associazione regionale allevatori della Sicilia, ndr) equilibrio di gestione e piena funzionalità, a sostegno e garanzia del comparto zootecnico siciliano, per favorire continuità e prosieguo delle attività lavorative. La nostra attenzione è riservata in primis alla soluzione delle incombenze prettamente finanziarie”. Con queste parole l’assessore regionale alle Risorse agricole e alimentari Elio D’Antrassi ha ribadito e assicurato il supporto delle istituzioni agli allevatori dell’Isola.

L’Aras, quale ente finanziato da contributi pubblici nazionali e regionali, dà un servizio di supporto dell’attività produttiva degli allevatori siciliani, così come per il patrimonio zootecnico. E proprio per fare il punto sulla situazione attuale dell’Associazione, si è svolto un incontro nella Capitale. Alla riunione hanno partecipato lo stesso assessore D’Antrassi, il Commissario Aras, Alessandro Chiarelli, l’Associazione italiana allevatori (Aia), rappresentata dal Presidente Nino Andena e le organizzazioni sindacali di categoria di Flai Cgil, Fai Cisl, Uila Uil e Confederdia, assistite
anche dalle strutture sindacali regionali.

Al centro della discussione il pagamento ai lavoratori dipendenti di tutti gli emolumenti maturati. Su questo, l’assessore D’Antrassi ha annunciato che a breve termine sarà erogato il saldo dovuto per l’anno 2010. D’altro canto, il Commissario dell’Aras, Chiarelli, si è impegnato a saldare integralmente le spettanze, anticipando al più presto il pagamento di una mensilità di retribuzione e delle indennità accessorie.

Già nei giorni scorsi dal ministero delle Politiche agricole e alimentari erano arrivate buone notizie per gli allevatori, con il recupero delle risorse per finanziare le attività dell’Aia (decreto annunciato per la prossima settimana). “Con una stretta di mano – ha commentato il presidente Aia, Nino Andena – il ministro Romano mi aveva assicurato che avrebbe fatto tutto il possibile per risolvere il problema finanziario. Oggi posso affermare che è un uomo di parola e per questo lo ringrazio”.

“I 25 milioni di euro di risorse – ha aggiunto Andena – che il Ministero ha reperito sono la testimonianza concreta di quella attenzione ai problemi del nostro settore che Romano ha dimostrato sin dai primi giorni del suo insediamento in via XX Settembre”. Passi necessari per sostenere un settore importante, anche se come ha poi concluso Andena, non si può certo considerare finita l’emergenza.

(Per il Quotidiano di Sicilia di ieri, pagina 12)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...