Un museo internazionale in Corso dei Martiri a Catania. Idea per attrarre turisti e creare sviluppo

“Corso Martiri della Libertà rappresenta una delle poche opportunità che ha Catania per creare qualcosa che porti turismo e sviluppo. Italia dei Valori propone un grande museo di fama internazionale, così come nella città di Bilbao. Lì, la realizzazione del Guggenheim ha avuto ricadute positive sull’economia del territorio”.

Queste le parole di Massimo Caponetto, presidente di SOS Catania, durante la campagna promossa per sensibilizzare la cittadinanza sul “caso Corso dei Martiri”, un buco al centro della città con un potenziale gigantesco.

“Corso dei Martiri – racconta il dott. Caponetto – è una ferita aperta per Catania da più di 50 anni. Sono tanti i progetti che si sono susseguiti nel tempo. L’unica cosa certa è che si rischia di avere un nuovo caso Piazza Europa. Il rischio di far diventare quella zona un far west, speculando e creando cementificazione selvaggia è altissimo”. Fra baracche abusive, parcheggi per camion, stazione per autobus e “giostre di paese” lontane anni luce dall’essere attrazioni turistiche, lo stato attuale di questo spazio enorme è desolante. Tuttavia, denuncia il rappresentante di Idv, “le informazioni riguardo al progetto dell’amministrazione sono scarse. Si parla di abbattere l’Amerigo Vespucci, una delle poche scuole antisismiche di Catania. Si parla di costruire un teatro, quando quelli che ci sono vengono scarsamente finanziati. Si parla di fare un albergo, quando non si curano le strutture che dovrebbero attirare i turisti. E poi una cubatura enorme, rispetto a quella originaria, consegnata ai privati senza che si sappia realmente cosa ci vogliono fare”.

Per Sos Catania, una idea alternativa potrebbe essere la creazione di una grande struttura riconosciuta a livello internazionale.

L’esempio migliore è il Guggenheim di Bilbao. La propensione industriale della città spagnola non ha impedito il rilancio del turismo nel 1997 con un grande investimento sul museo. Permettendo anche una rivalutazione delle sue architetture ottocentesche.

Oggi il turismo rappresenta una voce fondamentale per l’economia della città basca. “In una zona cosi importante e centrale – conclude Caponetto – noi vorremmo che si creasse un progetto veramente ambizioso come quello spagnolo, sarebbe un bel modo per dare una spinta alla città”. Certamente, qualcosa di simile porterebbe il capoluogo etneo alla ribalta internazionale, avendo dunque il merito di valorizzare quanto esiste già: dal caratteristico barocco alle attrazioni naturali, passando per i tanti eventi folcloristici e culturali di cui Catania è ricca.

Un successo. Una svolta storica per la città spagnola

Il Museo di Guggenheim ha rappresentato per la città di Bilbao una svolta storica e le cifre dimostrano che sarebbe il modello da seguire per Catania. Costruito dal governo basco nel 1997, gestito dall’omonima fondazione nata nel 1937 a New York, ha cambiato il volto e l’orientamento della città. Oltre 10 mila metri quadrati d’innovazione, l’edificio progettato da Frank Gehry è considerato un capolavoro dell’architettura.

Nel 2010, nonostante la crisi globale, il museo ha incrementato i suoi visitatori del 6%, raggiungendo quota 956.417. I turisti stranieri sono i più numerosi (62%), seguiti dagli spagnoli provenienti da altre regioni (25%), per chiudere con i locali (13%). Si calcola una spesa media per turista di 223,97 euro e l’attività museale legata al Guggenheim per il 2010 ha generato una ricchezza di 193.228.895 euro di PIL per l’intera regione dei Paesi Baschi. Favorendo, inoltre, ingressi addizionali per le aziende pubbliche di 26.315.843 euro. Insomma un’idea che funziona.

(Per il Quotidiano di Sicilia di oggi, pagina 13)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...