Presentato nelle scuole catanesi il progetto “Acqua giovane”

Quale bene è più importante ed insostituibile dell’acqua? Nessuno. Per questa ragione è essenziale “diffondere una cultura sempre più attenta alla tutela di questa risorsa: un bene per il quale è necessaria l’assunzione di una responsabilità comune”. Così, il presidente della Sidra, Gaetano Riva, ha motivato il progetto educativo “Acqua giovane”. L’iniziativa, presentata all’Istituto comprensivo statale San Giorgio, è rivolta agli studenti delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado della città.

Alla presentazione del progetto didattico dell’azienda idrica catanese, nato in collaborazione con il Provveditorato agli Studi di Catania e il Codacons, oltre al dott. Riva, hanno partecipato Raffaele Stancanelli, sindaco di Catania, Francesco Ciancitto, assessore provinciale alle Politiche del lavoro e della formazione, Francesco Tanaci, segretario nazionale del Codacons e Raffaele Zanoli, dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale.

“La vostra scuola – ha detto il sindaco Stancanelli rivolgendosi ai bambini presenti alla lezione – è la prima a partecipare a questa interessante iniziativa che vi aiuterà a comprendere ancora meglio come utilizzare e salvaguardare un bene prezioso come l’acqua”. Infatti, solo partendo dalla conoscenza si potrà valorizzare questa risorsa. Ei primi a studiare il lungo percorso dell’acqua, grazie a personaggi come Capitan Rubinetto, Fata Acqua e Mister Spreco, sono proprio loro, gli alunni dell’Istituto S. Giorgio, diretto da Brigitta Morsellino.

L’obiettivo principale, al di là del risparmio idrico, è proprio riuscire ad incarnare nelle nuove generazioni una sorta di amore per l’acqua. Per questo le lezioni saranno tenute dal personale tecnico aziendale, oltreché didatticamente interattive e modulate per singolo grado di Istituto. Si studierà il percorso che compie l’acqua, dall’apertura del rubinetto di casa, per proseguire attraverso la rete fognaria sino al depuratore, rendendo consapevoli gli alunni dell’arduo lavoro e degli investimenti necessari in termini di opere, manutenzione e risorse umane dietro la semplice, consueta azione dell’apertura di un rubinetto.

Ogni istituto (De Amicis, Biscari-Martoglio, Musco, Cavour, De Roberto, S. Giorgio, S. A. Li Battiati, Diaz, Manzoni, Maiorana, Tomasi Lampedusa, S. G. Bosco, Boggio Lera, Galileo Galilei, De Felice, Turrisi Colonna, Cannizzaro) parteciperà ad un concorso che metterà in palio buoni acquisto per materiale didattico. Diversi gli elaborati che dovranno realizzare gli oltre 2000 mila studenti coinvolti. Si va dal poster e dalle favole sul risparmio dell’acqua con protagonisti Gocciolino, Capitan Rubinetto, Fata Acqua e Mister Spreco dei bambini dell’elementari. All’indagine statistica di Customer Satisfaction circa il servizio che Sidra offre ai propri utenti dei ragazzi delle superiori. Passando per le varie presentazioni multimediali sul tema delle scuole medie. La consegna degli elaborati avverrà dal 2 al 7 maggio, e una giuria decreterà i vincitori.

(Per il Quotidiano di Sicilia di ieri, pagina 4)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...