Crocifisso dietro la lavagna.

Ecco cosa ne pensano nella scuola di Albano Terme dove è cominciato tutto.

crocifisso in classe

Crocifisso fuori dalle classi scolastiche perché la sua esposizione, “in particolare nelle aule – si legge nella sentenza della Corte Europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo – limita il diritto dei genitori di educare i loro figli secondo le proprie convinzioni e il diritto degli allievi di credere o non credere”. Infatti, “la presenza del crocifisso può essere facilmente interpretata dagli studenti di tutte le età come un simbolo religioso” e perciò, prosegue la Corte, “può essere emotivamente inquietante per gli studenti di altre religioni o per coloro che non professano alcuna religione. Questo rischio è particolarmente presente tra gli studenti appartenenti a minoranze religiose”.

Con questa sentenza si dà ragione, per ora, alla signora Solie Lauti, residente ad Abano Terme in provincia di Padova, che fin dal 2002 aveva intrapreso una battaglia personale per ottenere la possibilità di educare i suoi figli in maniera laica e secolarizzata, senza la limitazione di quel crocifisso appeso al muro della loro scuola. Una vicenda questa, passata attraverso il Tar del Veneto, la Corte Costituzionale e, nuovamente, il Tar, per approdare, infine, alla Corte di Strasburgo. Adesso, il passo conclusivo – se il ricorso del governo italiano verrà accolto – sarà la Grande Camera.

La notizia questa mattina è su tutte le prima pagine dei giornali, che evidenziano le reazioni sulla sentenza da parte del governo, dell’opposizione e della Chiesa. In risalto la dichiarazione del ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini che in merito alla decisione della Corte afferma: “La presenza del crocifisso in classe non significa adesione al cattolicesimo ma è un simbolo della nostra tradizione. La storia d’Italia passa anche attraverso simboli, cancellando i quali si cancella una parte di noi stessi”. E continua dicendo che “nessuno vuole imporre la religione cattolica, e tantomeno la si vuole imporre attraverso la presenza del crocifisso”. Un’opinione, quella del ministro, condivisa largamente dal mondo politico, eccezion fatta per i Radicali e Rifondazione comunista che vedono nella sentenza un contributo verso la laicità dello Stato.

Per comprendere meglio l’opinione di chi vive giornalmente nelle scuole, facendo un passo indietro, siamo andati dove tutto è iniziato, ad Albano Terme, e abbiamo posto alcune domande ad Elena Fiorello Collaboratore Dirigente scolastico dell’istituto comprensivo statale Vittorino da Feltre.

– Qual è la vostra impressione sulla sentenza di Strasburgo?

La scuola non esprime nessuna impressione sulla sentenza, primo perché dobbiamo ancora leggerla, e secondo perché la situazione non riguarda la scuola di Albano in particolare, ma è una cosa che trascende questo istituto. Io posso solo dirle, al nome del Dirigente, che, al di là di crocefissi o non crocefissi, la scuola di Albano è impegnata da sempre, in prima linea, per l’integrazione degli stranieri, per l’intercultura, con attività di ogni tipo che si svolgono per tutto l’anno.

– Oltre al fatto in questione, avete mai avuto reclami di alcun tipo?

Dal 2002, data in cui si è verificato l’inizio di questa vicenda, non abbiamo mai più avuto richieste di questo tipo da nessun altro. Qui il clima è assolutamente di rispetto e di serenità, nell’accoglienza di tutte le confessioni religiose e l’espressioni individuali. La scuola non si è mai posta in opposizione o a favore dell’uno o dell’altro. Anzi, le attività sono molteplici: in primo piano, a causa di una grossa presenza di stranieri, tutte le attività si rivolgono a loro per migliorare la loro integrazione a scuola, la loro alfabetizzazione per l’italiano; la mediazione culturale, che è offerta dal comune; la celebrazione della Giornata dei diritti il 10 dicembre; le iniziative sono tutto l’anno e ad ogni livello.

Queste parole rispecchiano l’opinione diffusa nelle scuole e confermano che sono ben altre le proposte da fare per ottenere uno Stato in cui tutte le “libertà” e tutti i “diritti” siano rispettati, laico o no, aldilà dei simboli. Ora non resta altro che aspettare, per capire dove andranno a finire i crocifissi delle nostre scuole, che si pronunci la Grande Camera e ponga la parola fine a questa vicenda.

(per Unimagazine)

Annunci

2 risposte a “Crocifisso dietro la lavagna.

  1. il crocifisso si può togliere ; ma non con le motivazioni date dalla Corte per cui sarebbe una minaccia alla libertà religiosa e al diritto dei genitori di scelgiere come educare i figli
    Se qualcuno si sente minacciato dalla presenza del crocifisso il problema risiede in lui e non nella croce

    Negli scontri ideologici tra integralismo laicista e cattolico il crocifisso è solo un espediente

    L’Europa fessa contro il crocifisso nelle scuole.

  2. Per la scuola non c’e’ problema. Bene (ma perche’ tanta paura a togliere il crocifisso se e’ nulla piu’ di un soprammobile? mah).

    Piu’ interessante sarebbe stato intervistare Solie Lauti, che con la sua denuncia ha dato inizio alla burrascosa vicenda. Sarebbe interessante sentire se ha subito rimostranze o manifestazioni d’affetto o magari – sperabilmente – nella sua vita non e’ cambiato nulla, mentre la vicenda si dipanava.

    Ci riuscite?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...